REGIONE LAZIO – NUOVI AIUTI AI LAVORATORI DI SETTORI COLPITI DA COVID 19

La Regione Lazio stanzia 30 milioni di euro per sostenere lavoratori, anche titolari di partita iva.

Con un bando recente, che prende il via proprio in questi giorni, la Regione Lazio mette a disposizione somme a sostegno dei lavoratori (CON o SENZA Patita Iva) dei settori più colpiti dalla pandemia, comunque fragili e più esposti alle conseguenze del Covid 19. Il bando consiste in
quattro misure di sostegno al reddito e una misura di contributo alla liquidità, così articolate:

– Misura 1 – Sostegno al reddito per colf/badanti:

importo di € 600,00 destinato a colf e badanti con rapporto di lavoro attivo nella Gestione dei Lavoratori domestici dell’INPS a partire dal 23 febbraio 2020, per oltre 10 ore settimanali;

– Misura 2 – Sostegno al reddito per lavoratori della cultura e dello spettacolo:

importo di € 600,00 per lavoratori (SENZA PARTITA IVA) della cultura e dello spettacolo che operano in attività creative, artistiche e di intrattenimento, attività di biblioteche, archivi, musei e altre attività culturali, attività editoriali, fotografiche, di produzione cinematografica,
video, registrazioni musicali e sonore, attività di programmazione e trasmissione radiofonica e televisiva, teatro, danze, settore artistico, informazione e comunicazione, interpreti della prosa e dell’audiovisivo;

– Misura 3 – Sostegno al reddito per collaboratori sportivi:

importo di € 600,00 per collaboratori sportivi (SENZA  PARTITA IVA) che avevano rapporti di collaborazione o altre forme contrattuali presso le federazioni sportive nazionali, le discipline sportive associate, gli enti di promozione sportiva e le associazioni sportive, iscritte e non iscritte al Registro del Coni o organismi riconosciuti o non riconosciuti dal Coni, oppure operanti in attività sportive dilettantistiche inclusi i maestri di sci;

– Misura 4 – Sostegno al reddito per lavoratori del settore turistico:

importo di € 600,00 per lavoratori (SENZA PARTITA IVA) del settore turistico che operano in attività di ricettività e servizi annessi, ristorazione, agenzie di viaggio, tour operator, guida ambientale, attività escursionistica e subacquea, attività di noleggio, altre attività di
servizio alla persona legate ai temi del benessere, bellezza, termalità, agenzie matrimoniali, operatori del settore fieristico e congressuale
e aeroportuale, nonché operatori dei servizi di animazione e tempo libero;

– Misura 5 – Contributo Partite IVA:

importo di € 600,00 a favore di lavoratori autonomi, ivi comprese le imprese individuali, CON PARTITA IVA attiva alla data del 23 febbraio 2020 ed ancora attiva alla presentazione della domanda, iscritti a un Ente o Cassa Previdenziale, inclusa la Gestione Separata INPS, con attività rientrante in uno dei 113 codici ATECO di cui all’Appendice 5 del provvedimento. Le domande riguardano soggetti che hanno dovuto ridurre/sospendere/cessare la propria attività in conseguenza della pandemia; i soggetti CON PARTITA IVA (Misura 5) dovranno comunque avere la Partita Iva ancora aperta.

Le domande telematiche potranno essere inviate a partire dai giorni 6, 7 ed 8 aprile, a seconda della misura interessata, accedendo al sito della Regione Lazio nell’area interessata.

L’argomento potrà essere approfondito fissando un appuntamento (senza alcun impegno) presso il nostro Studio, per una prima consulenza gratuita.

07/04/2021

Studio Sabbatini Amatulli Giannini

Leave A Comment